Articoli & Inchieste

CorriereLogo

Fabrizio redazione

«Mi hai rotto lo specchietto, paga!»
Così il truffatore in azione a Roma

Ore 12,40, lungotevere: una Micra grigia struscia la fiancata della mia auto. «Colpa tua, dammi 75 euro... Mia moglie ha partorito, ho fretta... Qui vicino c’è un Bancomat...» Ma basta parlare di carabinieri e...

Specchietto

Uno non ci pensa. Magari ne ha scritto decine di volte, in cronaca, della famigerata «truffa dello specchietto», e sa benissimo come funziona, ma l’istinto resta quello: i guai capitano sempre agli altri. Poi, una domenica mattina... Lungotevere Aventino, ore 12,40: una Micra grigia in fase di sorpasso tocca la fiancata destra della mia auto. È un attimo, un colpo secco. Mi giro, lo vedo. È un giovanotto sul metro e 70, robusto, un po’ stempiato, che inizia a sbraitare dal finestrino: «Ahò, almeno chiedi scusa!»

 
Botta e risposta

Di che? Mistero. Ruoli capovolti. L’esagitato accelera, si sbraccia, invita ad accostare dopo ponte Palatino, all’altezza del benzinaio Agip. Ma subito dopo, appena scendo, cambia tono, diventa cordiale. Mi prende sottobraccio e mostra il suo specchietto in frantumi. «Mi dispiace, amico, ma nun te preoccupa’. È il tuo giorno fortunato: c’ho la carrozzeria a Monterotondo e faccio prezzi bassi...». Risposta d’istinto: «E io che c’entro? Era già rotto prima!» Lui: «Ma che stai a gioca’? Guarda, ci stanno pure le scajette de vetro! Daje, famo in fretta. Compiliamo il Cid e non ci si pensa più! Ho mia moglie al San Camillo che ha appena partorito, devo scappa’». «Ma quale Cid, sei stato tu a fare un danno a me!» Risata e pacca sulle spalle: «Mi stai simpatico! Ma sei sempre così distratto ar volante? Hai deviato senza vedermi e hai ‘nfrociato!» Lo ammetto: la sceneggiata sta facendo breccia. Il fregoli delle stangate lo sa, è tutto studiato. «Vabbè, nun se stressamo! Oggi per me è tutto rosa! Te rendi conto? So’ diventato padre!»

La fuga

Lo confesso: ci casco. «Maschio o femmina?» Lui sente di aver vinto. «Una pupa fantastica, tre chili e sei! Dai, devo anna’!». Allunga la mano e si presenta. «Mi chiamo Gianluca, e tu?» Ci mancavano pure le confidenze. «Allora, stammi a senti’: per farti risparmia’, visto che la franchigia ti costa 380 euro, dammene 75 e la chiudiamo qui». È a un millimetro dalla vittoria, mentre metto mano al portafoglio... E però - fortunatamente - sono a corto di liquidi. «Guarda, ho solo trenta euro, ti bastano?» Manata sulla fronte, reazione stizzita: «No, nun ce posso rimette’!». E un istante dopo, da attore consumato: «Ahò, me so’ ricordato che c’è un bancomat qui dietro, annamo!» E’ troppo: il colpo di tacco non gli è riuscito. «Senti, facciamo una cosa diversa: invece di chiamare i vigili urbani, andiamo direttamente dai carabinieri. Si chiama truffa dello specchietto!» gli grido. Lui è spiazzato. Farfuglia. Salta sulla Micra imprecando e se ne va sgommando. Avanti il prossimo... (fperonaci@rcs.it)

Pin It
fabrizio12
Grazie per aver visitato il mio blog!
Torna a trovarmi per nuove interessanti notizie!

Firma bn

calciatoreragazzino
Sono Fabrizio
Vi parlo un po' di me


Ciao a tutti, piacere. Il mio nome lo conoscete. Sono nato lo stesso giorno di Fabrizio De Andrè e Roberto Baggio e ciò, per ragioni diverse, mi inorgoglisce. Del primo, amo la poesia, la naturale empatia con gli ultimi e la giocosa sfrontatezza verso i potenti. Del secondo, apprezzo la fantasia in campo e la ricerca di un equilibrio fuori. Ai tempi delle elementari (Garbatella, Roma) correvo dietro a un pallone e al suo mito (Giggiriva). Delle scuole medie (Eur, Roma) custodisco con affetto le intemerate della professoressa Calvosa e le scazzottate con gli amici nei rettangolini di prato di fronte al Colosseo quadrato. Al liceo (scientifico) mi appassionai con differenti intensità ai poeti ermetici e alle ragazzine, con preferenza per quelle che avevano la borsa di Tolfa. Il 16 marzo 1978 tutto mutò quando fummo convocati in aula magna – le classi ammassate, concitate, le prof in lacrime – perché era successo un fatto grave, enorme, terrorizzante. Lo spartiacque. Il passaggio dall’io al noi. Il 23 novembre dell’80 ero nell’atrio della scuola, arrampicato in cima a un montagna di vestiti da ammassare in un camion per l’Irpinia. Negli anni universitari (La Sapienza, Roma) mi divisi tra Romeo & Juliette, Jim Thompson e le riunioni-fiume per mandare in stampa un giornale scanzonato e non allineato. Intanto, in sella a una Vespa rossa, facevo la gavetta in piccole testate. E nel giro di poco fui addirittura assunto. In un giornale vero. Con la previdenza e l’assistenza, la tredicesima e le ferie pagate. A 23 anni. Un sogno, di cui oggi porto un crescente senso di colpa pensando alle generazioni successive. Mi occupo da molto tempo di cronaca nera, malagiustizia e reticenze del potere. Della mia città amo le banchine del Tevere, la scalinata di viale Glorioso e i cancelli (intesi come stabilimenti balneari). Poesia preferita: “La ballata delle madri”. Canzone preferita. “Il testamento di Tito”. Film preferito: “Pauline à la plage”. Libro preferito: l’ultimo letto (“Omicidio al Giro”, di Paolo Foschi). Attitudini più gradite: generosità e coraggio delle idee. Meno gradite: arroganza e opportunismo. Lavori in preparazione: un romanzo-verità sulla storia di una suora vittima di stupro.